Omofobo o ecumenista?

Posted on 27 agosto 2015


E’ un casino, vi giuro che è un casino.

In quanto omofobo, dovrei cogliere la palla al balzo per gridare all’eterofobia degli LGBT e portar acqua al mulino delle mie campagne bigotte; in quanto anti-ecumenico dovrei plaudire il massacro di eretici a priori. Sono impallato.

Costretto a cedere il testimone a quelli della Croce e dintorni: essendo conciliaristi e cripto-rivoluzionari, potranno impugnare il primo corno, fregandosene della imprescindibile questione anti-mennonita.

I Mennoniti sono una setta dei cosiddetti Cristiani “anabattisti” che vogliono vivere il Vangelo in modo radicale, pur rifiutando la Chiesa e tutti i Sacramenti, compreso il Battesimo. Sono certamente una minoranza, potrebbero a volte risultare stravaganti, ma hanno diritto di cittadinanza in questo mondo anche loro. Soprattutto per chi predica la tolleranza e l’inclusività.

Il Mennonita sosteneva che Dio ama tutti, anche gli omosessuali, ma la condizione di omosessuale è non naturale ed è peccaminosa la pratica omosessuale. Insomma, il solito ragionamento che – a parte le Scritture e il credo religioso – si basa infine sulla legge naturale: Dio ha fatto l’uomo e la donna e il matrimonio nell’interesse dei bambini e per preservare la società.

Durante la predica, tra gli astanti – che sostenevano le istanze LGBT – è sbucata una ragazza giovane, sui 25 anni, bionda, che ha aggredito il missionario e l’ha accoltellato alla schiena, dileguandosi tra la folla. SIC

Ah, comunque il predicatore non è nemmeno morto.

20111215_belize_mennonite

Posted in: SATIRICUS